Trattamenti galvanici su acciaio inox

Trattamenti galvanici su acciaio inox  

Trattamenti galvanici su tutti i metalli

Trattamenti galvanici su tutti i metalli  

cromatura, cromatura alluminio, cromatura Esterni, Cromatura Grandi dimensioni, cromatura inox, cromatura nera, cromatura rame, Cromatura zama

Trattamenti galvanici - cromatura su alluminio  

Trattamenti galvanici - doratura su metalli

Trattamenti galvanici - doratura su metalli  

cromatura, cromatura anticorrosione, cromatura alluminio, cromatura Esterni, Cromatura Grandi dimensioni, cromatura inox, cromatura nera, cromatura rame, Cromatura zama Cromatura per esterni ad alta resistenza alla corrosione  
Trattamenti galvanici su acciaio inox Trattamenti galvanici su tutti i metalli cromatura, cromatura alluminio, cromatura Esterni, Cromatura Grandi dimensioni, cromatura inox, cromatura nera, cromatura rame, Cromatura zama Trattamenti galvanici - doratura su metalli cromatura, cromatura anticorrosione, cromatura alluminio, cromatura Esterni, Cromatura Grandi dimensioni, cromatura inox, cromatura nera, cromatura rame, Cromatura zama

Argentatura

Argentatura, Argentatura alluminio, Argentatura Esterni, Argentatura rame, Argentatura Resistenza alla corrosione, Argentatura zama: trattamenti galvanici ConsonniL’argentatura è eseguita sia a scopi decorativi che a scopi funzionali, è anche applicata in elettrotecnica per favorire i contatti elettrici e a spessore per taluni particolari di motori. Si tenga inoltre presente che l’argento lucido possiede un alto potere riflettente e ciò lo rende idoneo per applicazioni ottiche.

Le caratteristiche dei rivestimenti (durezza, spessore, colore, grana cristallina, ecc.) sono in stretta funzione della composizione del bagno, della temperatura, delle condizioni elettriche e dell’eventuale abitazione meccanica. I depositi di argento di regola si presentano lattei vellutati, facili a lucidarsi.

I bagni comuni hanno un contenuto in argento assai variabile, che può andare da 10 a 25 g/l; di solito si aggira sui 20 g/I. Possono essere usati anche per la minuteria.

I bagni concentrati servono per l’argentatura rapida in particolari dispositivi con catodi in movimento. Possono essere usati anche per la lavorazione continua del filo e del nastro. Il loro contenuto in argento si aggira sui 30 g/l. Con essi si può realizzare rapidamente la cosiddetta argentatura forte o pesante, vale a dire l’argentatura i rilevante spessore.

I bagni per argentatura lucida servono a dare depositi brillanti..

I bagni per immersione sono a basso contenuto di argento e di cianuro libero. Servono per argentature di poco prezzo su materiale ferroso, su rame e su ottone. L’argentatura si effettua per spostamento chimico in seguito a semplice breve immersione nelle soluzioni.

Per l’argentatura rapida a spessore si adottano vasche con apparecchiatura speciali atte a conferire movimento ai catodi. Il moto può essere di va e vieni, oppure a tuffo, oppure rotatorio, oppure a giostra; quest’ultimo implica l’uso di vasche circolari.

Gli anodi devono essere di lamine di argento purissimo (di solito di 1 mm di spessore) e possedere una superficie all’incirca uguale a quella degli oggetti (piuttosto inferiore di circa un quarto). P, bene siano insacchettati in tela di cotone, in terilene o in polipropilene. Per l’argentatura leggera, specialmente nell’industria di orologeria, si utilizzano spesso anodi in platino molto piccoli, di poco immersi nel bagno. Con questi anodi si deve usare una tensione di 6 8 V.

La temperatura dei bagni non deve essere al di sotto di 18 20 °C, altrimenti si ottengono depositi porosi. Le migliori condizioni di elettrodeposizione per i bagni comuni sono a 30 40 °C, poiché a temperature più alte non si migliorano i depositi e per di più si produce una maggiore solubilità degli anodi. Nei bagni troppo freddi, specie in presenza di molto carbonato (che si origina a causa dell’anidride carbonica dell’aria), si hanno depositi rigati, che non si possono pressoché lucidare.

Per l’argentatura della minuteria si adoperano i dispositivo a rotobarile o a vibroset. L’utilizzazione del rotobarile nell’elettrodeposizione dell’argento si va continuamente accrescendo; si adotta di preferenza il barile orizzontale a immersione, con anodi situati esternamente. Per l’argentatura della minuteria si deve usare una soluzione più ricca in cianuro libero di quella normale onde evitare una eventuale polarizzazione a causa dell’area anodica limitata.